The Lights I love

The lights I love

Nella stanza al mattino
sorge prima il silenzio,
poi viene il sole:
camminano insieme
piccoli passi di luce
sino a che l’intera parete è percorsa
di orme splendenti,
occhi che leggono in cuore.

Mentre il sole va altrove e tramonta
la parete si spegne:
nella stanza rimane il silenzio
a vegliare il mio tempo e i miei sogni.

Riyueren

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

Sono le luci che amo, quelle che entrano nella mia camera da letto e dilagano sull’intera parete che ho di fronte illuminandola solo nei mesi estivi.

Hanno colori diversi, a seconda di dove si posano.

La prima volta che le ho “viste” (eppure c’erano da anni, vivo qui dal 1980) era nell’agosto del 2011: da allora è tutto un gioco di specchi e di sguardi.

Il cielo nel cielo

Tramonto

“Convertire”uno scatto da colore in b/n è un altro modo di vedere, anzi, è un modo di “sentire”. Non sempre, ovviamente, ma molte volte il colore è come un velo, o come uno di quei drappi che si posano sugli specchi quando la gente va via e la casa resta vuota… di persone ma non di ricordi, naturalmente.

Perché ovunque tu posi lo sguardo e osservi con attenzione (e amore… sì, con amore, altrimenti non c’è vita in quello che fai… e nemmeno dentro te) sei davanti ad uno specchio.

Nel b/n non ci sono illusioni, nessun gioco, ma soltanto le luci e le ombre che tu sei. E tu sei un silenzio infinito che infinitamente parla un linguaggio fatto di luci, ombre, forme: un abbraccio di linee pure o soffuse.

E come puoi vedere in te un cielo nel cielo, puoi fare lo stesso con ogni cosa che guardi… e che ti guarda.

Tramonto in b/n

 

Tramonto in b/n

 

Tramonto in b/n