Nel Giardino dell’Eden

Nel Giardino dell'Eden 1

 

Nel Giardino dell'Eden 2

 

Nel Giardino dell'Eden 3

 

Nel Giardino dell'Eden 4: Il Serpente !?

 

Nel Giardino dell'Eden 5 : Il Serpente !?

Ecco, non sempre sono una persona seria. Mi sono divertita moltissimo a fotografare questa splendida mela selvatica “a metri zero” (altro che chilometri) che per fortuna, enorme com’era, non è caduta in testa a noi (e nemmeno a Sunny) dall’albero qui sotto casa. Ce ne siamo pure mangiata (squisita) solo una metà: l’altra l’abbiamo lasciata al suo roseo inquilino. 🙂

Incipit

Incipit 1

Quando arrivi non sei consapevole di essere un inizio e nemmeno che quell’inizio che sei ha in sé la sua stessa fine, la tua fine.

Quando prendi un poco di confidenza e un poco di consapevolezza, credi di essere un inizio eterno. Immagini di stare camminando in linea retta: una strada diritta e sicura che ti porterà a chissà quali e quante mete.

In realtà a mano a mano che il tuo inizio si srotola e si sgretola davanti ai tuoi stessi occhi ti accorgi che di diritto e sicuro in quella strada c’è ben poco: ci sono curve, incroci, sole e nebbia, paradisi e inferni… ad ogni tuo passo.

Quando arrivi alla fine, si chiude un cerchio e l’inizio non è più che una semplice memoria nel cerchio degli inizi altrui.

Incipit 2

 

Il melo sotto casa offre le sue meraviglie: in regalo, non in vendita. Una mela selvatica cade a terra e non insegna soltanto la forza di gravità: parla dell’inizio e della fine di ogni cosa. Perché se esiste un inizio esiste anche una fine che lo accompagna passo dopo passo.

Una mela selvatica ha luci e colori, in superficie e dentro. Non è perfetta la sua buccia. Forse l’interno non è proprio dolcissimo. Forse è selvatico anche il suo profumo sottile.

Una mela selvatica non cade dal ramo: vola via.

 La sua Bellezza rimarrà, anche quando diventerà memoria.