Non visibili voli

Invisibili voli

Colmo di voci il mio silenzio vive,
nei ricordi muti degli occhi:
fragili voci, tremule di tempo,
piume del mio respiro,
in questa gabbia – intreccio
di voli non visibili.

Voci senza parole,
come il ceppo dell’olmo sulla strada:
ogni giorno mi parla con lo specchio
delle sue radici
che la terra nasconde
a gente d’asfalto e di rumori.

Riyueren

Invisibili voli

 

Invisibili voli

 

Invisibili voli

 

Invisibili voli

 

Invisibili voli

 

Invisibili voli

 

L'olmo

Da una sponda all’altra

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano.

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano

Da una sponda all’altra, ombre
e solo di passaggio
corrono a ricordi d’acqua.

Il pensiero di te
lega la riva del mio giorno
alla sabbia della notte.

Cammino.
Cadono le foglie
dal ramo disadorno del mio cuore.

Ma la speranza è un ponte
che mi riunisce al tempo che era nostro.

In fine, bagnata dalla luce,
questa mia strada è un’onda
che mi porta al largo
senza bisogno d’ancora e di vela.

Riyueren

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano sul Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Ponte Romano sul Lago Grande

 

The Lights I love

The lights I love

Nella stanza al mattino
sorge prima il silenzio,
poi viene il sole:
camminano insieme
piccoli passi di luce
sino a che l’intera parete è percorsa
di orme splendenti,
occhi che leggono in cuore.

Mentre il sole va altrove e tramonta
la parete si spegne:
nella stanza rimane il silenzio
a vegliare il mio tempo e i miei sogni.

Riyueren

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

 

The lights I love

Sono le luci che amo, quelle che entrano nella mia camera da letto e dilagano sull’intera parete che ho di fronte illuminandola solo nei mesi estivi.

Hanno colori diversi, a seconda di dove si posano.

La prima volta che le ho “viste” (eppure c’erano da anni, vivo qui dal 1980) era nell’agosto del 2011: da allora è tutto un gioco di specchi e di sguardi.

Ogni nuovo dolore

Reflections

Quante volte un nuovo dolore
ne addolcisce uno più antico…
Nessun dolore cancella un dolore,
ne lenisce soltanto le spine,
poi si fondono insieme.
La speranza è una palla di gomma
che rimbalza fra loro e non cancella
neppure il silenzio di un giorno:
lo schiarisce di ombre e di assenza.

Riyueren

Waterlilies

 

Waterlilies

 

Waterlilies

Piuma Bianca

La piuma

Qualcosa d’infinitamente piccolo

Un passo di formica sotto le foglie
lo stelo del fiore che trema nel vento,
la sua radice che avanza nella terra
una goccia di cielo nella pozzanghera
un bordo di nuvola che il tramonto dissolve
la polvere dell’orma sparsa sul sentiero
il filo di luce che ricama le ombre
il fiocco di neve che incorona la mimosa
i cerchi sull’acqua di una pietra che cade
un grano di sabbia nel cuore dell’onda
un sogno dimenticato sul cuscino
una lacrima di silenzio sul mio sguardo

Qualcosa d’infinitamente piccolo…
Qualcosa d’infinito.

Riyueren

La piuma

 

La piuma

 

La piuma

 

La piuma

Mosaici (Aquileia)

Aquileia

Puoi dirmi tutti i nomi del dolore,
tutti i suoi volti, tutti i suoi sorrisi?

Puoi contare
quante assenze di sguardo e di parola
e quante piume a terra e non in cielo?

E puoi sentire
quanti frammenti ancora
battono nel mio cuore?

Riyueren

Aquileia

 

Aquileia

 

Aquileia

 

Aquileia

 

Aquileia

 

Aquileia

Ciò che è in frammenti va ricomposto ma le venature non devono essere invisibili. La tradizione orientale le trasforma in cicatrici d’oro: è così che le ferite impreziosiscono l’anima. E l’Alchimia della vita arriva a compimento.

Le spine del silenzio

Feather & Thorns (b/w)

Forse c’incontreremo, un giorno,
lungo le spine del silenzio
agli angoli muti delle labbra,
la mia anima ed io,
per camminare insieme le parole

poi ci alzeremo in volo:

saremo suono d’ali

saremo acqua che scorre
fra le rive del sogno e della notte.

Sul ciglio della strada
ritornerà a fiorire
il nostro sguardo.

Riyueren

Feather & Thorns (b/w)

 

Feather & Thorns (b/w)

 

Feather

 

Moon, Thorns & Feather (b/w)

“Ali (s)velate, ali di silenzio” … prosegue con nuove foto. Diverso tempo è ormai trascorso da quando ha avuto inizio questo progetto aperto. Da allora molte cose sono cambiate o per meglio dire: molte cose ho cambiato, nella mia vita.

Il merito non è mio, bensì di quattro foto che hanno letteralmente parlato alla mia anima e dopo averle ascoltate, nulla nella mia vita è stato più come prima.

Epifania…

Ciò che  viene rivelato, ciò che si manifesta … ma io credo che l’essenza di ogni cosa sia visibile solo agli occhi del cuore: è l’unico sguardo con cui davvero valga la pena di osservare il mondo, perché solo così riesci a vedere anche dentro di te, solo così ogni respiro è un’alba.

È per questo che quando mi sveglio al mattino la prima cosa che il mio cuore fa è guardare il cielo.

Alba

Lo stesso accade quando esco di casa. Magari stando attenta a non cadere mentre il mio cuore guarda il cielo e scopre che alle tre del pomeriggio uno spicchio di luna gioca con le nuvole.
Afternoon sky

 Afternoon sky

Poi il mio cuore ed io vorremmo anche spiccare il volo, ma i gabbiani non ci aspettano e dobbiamo accontentarci di seguirli con gli occhi.
Afternoon sky

Anche una musica ci parla del mondo, ci porta in volo e si fa persino carezza.

Prende il tuo cuore per mano e lo accompagna sul cammino delle parole.

“Abbracciata a me stessa
addormento la vita
in-difesa d’amore:

è questa lacrima il canto
di un giorno nuovo
o il silenzio di un nuovo sogno?

Sono già in volo
o ancora cammino sulle mie ali?

Sfioro nuvole o calpesto piume bianche?

Il mio nido va naufragando
in una pozzanghera
o dell’Oceano ha fatto la sua casa?

Abbracciata a me stessa
come un fiore
nella notte respiro…

in-difesa d’amore.”

Riyueren

ps. Vi invito, se ne avete tempo e voglia, a rileggere il post ascoltando questo canto meraviglioso, una preghiera siriana di cui purtroppo non ho trovato in rete la traduzione. Ma soprattutto vi invito a vedere il film Human perché è un’esperienza straordinaria: se cercate su Rai Play guida tv replay Rai5 vedrete … beh, andate a vedere e poi mi dite…

 

Così, come

Giacinto

Nulla di ciò che è vivo resta seme:
muove ogni giorno lungo le vie del cuore
ed ogni notte il suo respiro è sogno.

Poi s’inchina o si spezza sullo stelo
ed abbandona al vento il suo profumo.

Riyueren

Giacinto

 

Giacinto

 

Giacinto

Sono questi, ultimi giorni dell’anno, i momenti, gli spazi, delle verifiche e dei bilanci. Nel mio diario assolutamente non virtuale (bensì di splendida, frusciante carta scritta rigorosamente – e piacevolmente – a mano con tanto di stilografica dove solo il colore dell’inchiostro muta, talvolta, a seconda dell’umore, dal nero al rosso passando per il seppia) ho iniziato ormai l’elenco del 2016 che va a chiudersi, elenco che si preannuncia alquanto lungo.

Il riassunto dei momenti della mia vita che intendo restino intimi, cioè soltanto miei, lo pubblico qui, come ho sempre fatto, in forma di poesia (solo la forma, non ho certe pretese per i pensieri che scrivo) e/o di immagine, con buona pace di chi vorrebbe vedere le foto separate dalle parole, come se queste ultime dovessero essere necessariamente delle didascalie o chiavi obbligatorie di lettura… sono sguardi complementari, come presto sarà anche il disegno, perché, nella matematica che conosco io, uno più uno non fa due, ma spesso e volentieri tre e anche quattro o cinque… anche di più, a volte.

Nel mio diario non virtuale ci sono le lezioni che ho imparato nel 2016, naturalmente dopo essere finita dietro la lavagna, essermi autoimposta il berretto da asino come accade sempre da quando mi trovo in questo mondo così strano e tanto diverso da come sarebbe meglio che fosse (non solo per me).

Poi ci sono le decisioni, i propositi (buoni e non 🙂 ) per il nuovo anno.

Dal momento che non riesco proprio a tenere separati parole e immagini, e non mi va di avere inutili doppioni in giro per il web, ho deciso di fare il nido qui su WordPress. Cruna di stella rimarrà in rete aperta e pubblica, come Innerland del resto, ma non aggiungerò nulla, se non un link a questo articolo.

Il mio abbraccio. Auguri!!!  ❤