Gli Ombrelli di Genova

Credo di essere uno dei pochi fotoamatori che non è andato a scattare foto all’Euroflora: sinceramente non ci sarei andata nemmeno se mi avessero regalato il biglietto… non mi piace fare foto ad un giardino finto, preferisco la Villa (Durazzo Pallavicini) che è un luogo vero, non “allestito”.

Un altro allestimento, ahimè, sta sospeso sulle nostre teste (genovesi e non) da inizio Euroflora ed è stato prolungato, a quanto ho capito, sino a fine Luglio: gli ombrelli.

Ombrelli a Genova

 

Ombrelli a Genova

 

Ombrelli a Genova

Tutti hanno scattato foto, tutti si sono cimentati nel riprenderli nel modo più originale possibile. Confesso che io non avrei fotografato nemmeno questi ombrelli, ma … ma l’ho fatto perché ne ho fotografato altri e questi mi servono per esprimere un mio pensiero. Ho voluto fare un confronto tra quello che è un semplice “abbellimento” e quello che dietro ha anche e soprattutto un pensiero.

Si tratta dell’allestimento che Liubov Bakhtina ha creato all’interno dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, proprio sopra la scalinata all’ingresso ( questo significa che dalla strada non è semplice vederlo, oltretutto con centinaia di altri ombrelli poco più avanti ).

Da una parte abbiamo ombrelli coloratissimi, tutti uguali, tutti perfetti (quelli che vento e pioggia distruggono vengono subito sostituiti dalla ditta che li ha forniti).

Liubov, invece … Mi ha sorpresa mentre stavo fotografando, incantata, la sua installazione… “Sono meravigliosi – le ho detto. E lei: “L’ho fatto io”.

eccola: siamo diventate amiche.

 Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

Liubov ha raccolto gli ombrelli che la gente butta via, quegli ombrelli ormai inservibili, per capirci, che si trovano qua e là per strada dopo una forte pioggia con vento.

“La gente si affanna per comprare cose: la casa, l’automobile … se ne serve come un riparo, perché dà sicurezza e pensa che sia per sempre … ma tutto questo è come un ombrello: basta un colpo di vento più forte e non hai più nulla” e Liubov ha voluto esprimere e condividere questo suo pensiero.

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

 

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

 

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

 

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

 

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

 

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

 

Accademia Ligustica di Belle Arti Genova: installazione di  Liubov Bakhtina

Questa è la differenza tra una semplice decorazione (anche se ho saputo che dopo Luglio i coloratissimi, perfettissimi ombrelli – peraltro l’idea non è originale, dopo il Portogallo li stanno appendendo un po’ tutti – saranno venduti all’asta per beneficenza) e una creazione artistica: quest’ultima crea emozioni e riflessione, la prima non va oltre un po’ di stupore.

Il guaio è che molto spesso semplici “abbellimenti” e semplici “decorazioni” vengono spacciati ( e soprattutto venduti) per arte … ma questa è un’altra storia.

 

da Hobby Pell Valerio

Valerio confeziona la borsa per la mia Lumix LX100 e gentilmente mi ospita nel suo negozio laboratorio permettendomi così di seguire la lavorazione passo dopo passo.

Potrei scrivere qualcosa come mio solito, ma dice già tutto la targa che sta in vetrina ( e lo dice molto meglio di me)  🙂

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

da Hobby Pell Valerio

 

“I miei due cuori nomadi” di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

Qui sul blog credo non abbiate mai trovato recensioni, ma per questo libro voglio fare un’eccezione. E non perché ho scattato le foto durante la sua presentazione alla Feltrinelli qui a Genova, ma perché la storia che Omar racconta ci dimostra che spesso la vita reale è più romanzesca di una storia inventata. L’autore ha realmente vissuto in due mondi, quello occidentale e quello arabo (da qui i suoi due cuori, penso).

 

È una storia vera e lo posso confermare: Omar è il figlio dei nostri vicini “del piano di sopra”, Angela, italiana, e Ahmad, palestinese.  Un solo anno lo separa da mio figlio Giovanni: Omar è dell’84, Giovi dell’85. Sono cresciuti insieme, hanno giocato insieme… sino a quel 23 maggio del 1990, quando improvvisamente Omar, che allora ha sei anni, viene rapito dal padre e portato in Giordania. Quello che poi è avvenuto, Omar lo racconta ( benissimo, oltretutto, è uno di quei libri che ti coinvolge… insomma, non riesci a posarlo sino a che non lo hai letto tutto sino in fondo) nel suo libro: la sua vita in Giordania, poi in Kuwait, la fuga (proprio il giorno prima dell’invasione delle truppe di Saddam Hussein) la figura del padre, che lui comunque ama, la lontananza dalla madre, questa donna che io conosco bene, riservata, di poche parole, che coraggiosamente parte alla ricerca di suo figlio, non può riportarselo a casa e allora con grandi sacrifici affronta numerosi viaggi in Giordania per cercare di stargli vicino, a volte anche malmenata dai parenti del marito, il breve ritorno a casa e il secondo rapimento, la nuova famiglia del padre, i suoi nuovi fratelli e sorelle e la sua vita dal 96 (l’anno del ritorno definitivo) sino ad oggi, nel nostro Paese ma con un altro Paese rimasto comunque nel suo cuore.

Le mie parole sono inadeguate a descrivere i due cuori nomadi di Omar. Leggendo il libro (e la bella prefazione del Prof. Vittorio Coletti, qui sotto nella foto con Omar) capirete perché.

“La battaglia emotiva dentro di me era potente come l’energia dell’acqua nel punto di incontro fra un fiume e il mare, e cominciava a rivelare sempre più chiaramente le mie due nature, i miei due cuori nomadi, quella condizione che mi faceva sentire né carne né pesce, uno straniero ovunque, sconosciuto persino a me stesso”. Omar Rizq.


(nella foto Omar con Vittorio Coletti e Nicolò de Mari)

Omar si è poi laureato alla Facoltà di Lingue e Letterature straniere qui a Genova, dove per quattro anni ha insegnato lingua araba agli studenti. Oggi lavora come impiegato, sempre a Genova.

Ps. Il libro potete trovarlo qui

altre recensioni più esaustive le trovate a questo link.

E a quest’altro .

 "I miei due cuori nomadi" di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

 

"I miei due cuori nomadi" di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

 

"I miei due cuori nomadi" di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

 

"I miei due cuori nomadi" di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

 

"I miei due cuori nomadi" di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

 

"I miei due cuori nomadi" di Omar Rizq (Il Canneto Editore)

Grazie

Il corpo è la mia casa
ma io abito il mondo
 come la conchiglia abita il mare
che l’abita a sua volta e la contiene.

Riyueren

Susi web

© Foto di Daniele Sandri  (realizzata con fotocamera Rollei 35s)

Questo post, queste parole, sono per voi che leggete quello che di me provo ad esprimere, come meglio posso, in fotografia e scrittura ( e spero presto di poter aggiungere anche la voce, che per me è molto importante): voglio ringraziarvi tutti, chi si ferma a commentare con generosità e gentilezza e anche chi entra, magari per casualità (che poi nulla è casuale, in questa vita) guarda e resta in silenzio.

Voglio dire a tutti voi “Grazie!”. ❤

Grazie, perché mi accompagnate in questo cammino di ricerca soprattutto interiore: se non fosse per voi io andrei davvero sola per le strade… se non del mondo di sicuro della mia anima. ❤ ❤

Grazie perché la vostra presenza rende migliore me e il mio lavoro. ❤ ❤ ❤

E nello stesso tempo voglio chiedervi scusa se non sono sempre presente nei vostri spazi: i miei occhi si affaticano molto e sono costretta a centellinare il mio tempo al pc.

Detto, anzi, scritto, questo, ecco cosa stavo fotografando (comodamente seduta sulla panchina a Pegli… lo so, lo so, i veri fotografi si coricano per terra, s’inginocchiano o almeno stanno in piedi). 🙂

“Quando il Sole si veste di nuvole (e si traveste da Luna).

Quando il sole si veste di nuvole ( e si traveste da luna).

 

Quando il sole si veste di nuvole ( e si traveste da luna).

 

Quando il sole si veste di nuvole ( e si traveste da luna).

 

Quando il sole si veste di nuvole ( e si traveste da luna).

Alle pendici dell’Alba

Alle pendici dell'alba (On the slopes of Dawn)

Alle pendici dell’Alba
lascio salire il mio cuore:
troppo stanchi gli occhi
per camminare ancora
incontro al cielo.

Questo sole che sorge
è il mio respiro:
nasce dentro di me
dopo essere morto
altrove.

Ma poi, dalla collina al golfo,
guida le vele il mare del tramonto:
fogli di nuvole nel vento
parole fra le mani come ali
in cerca di una bocca
per spiccare il volo
alle pendici gloriose della Notte.

Riyueren

Alle pendici dell'alba (On the slopes of Dawn)

 

Alle pendici dell'alba (On the slopes of Dawn)

 

Alle pendici dell'alba (On the slopes of Dawn)

 

Il cielo (clouds in early morning)

Tempo di vacanze. Tempo di viaggi (per chi se li può permettere) ma di certo non sono l’unica a restare al caldo in città. Ho imparato a viaggiare in modi alternativi: il mio sguardo vola dalla finestra di casa (senza che i miei passi debbano seguirlo) e mi regala questo cielo dove le nuvole sono onde di mari che probabilmente non vedrò mai, io che non ho mai visto un oceano e vorrei tanto stare un giorno sulla sua riva (un giorno solo mi basterebbe). La mia anima trova la sua felicità in queste piccole cose: una finestra aperta, un po’ di nuvole, qualche luce, qualche ombra, un cielo su cui specchiarsi e riflettere. E la gioia di condividere, poi…

 

Clouds in early morning

 

Clouds in early morning

 

Clouds in early morning

 

Riflessi in Villa Durazzo Pallavicini

http://www.villadurazzopallavicini.com/

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Lago Grande

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Riflessi nel Castello del Capitano

 

Spegnerò al Silenzio tutte le sue ombre.
Accenderò parole nella sua bocca vuota
e lui verrà: una triste falena
che brucia il suo volo
al calore dei suoni.

Incendierò i miei sogni
e del cristallo che sono
ne farò arcobaleni.

Riyueren

Nel Viale Classico (Villa Durazzo Pallavicini)

http://www.villadurazzopallavicini.com/  Parco più bello d’Italia 2017

Sull’Arco di trionfo, nel viale classico, una scritta in latino che tradotta suona così: “Addio cittadine cure che opprimete l’animo: mi chiamano gli alti monti, le selve, le fonti e quanto di più sublime ed eloquente ha la natura per sollevare lo spirito a Dio”

Al di là dell’Arco, quasi un tutt’uno, come un cambio di scena di quelli che avvengono in teatro, appare il Romitaggio, la Solitudine che permette di andare “oltre”.

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Villa Durazzo Pallavicini Parco pubblico più bello d'Italia 2017

 

Quello che ora vorrei condividere, apparentemente non ha nulla a che fare con le foto, lo so, ma a volte penso che le immagini aiutino a veicolare emozioni. Insomma, più io guardo queste foto, più mi aiutano a descrivere (forse solo a me stessa, non so) quello che ho provato due sere fa portando fuori Sunny per la passeggiata di mezzanotte. Nell’androne del palazzo, al buio, il vento molto forte che proveniva dagli alberi di fronte, più scuri ancora del cielo… e mentre chiudevo gli occhi e me lo sentivo soffiare sul volto… attraversavo la Terza Porta, quella che pone la domanda: “Dove stai andando?”

Da dove vieni,
soffio che ti accompagni al mio respiro?
mano invisibile
che strappi al mondo i suoi umori
per farne profumo ai miei capelli?
abbraccio che avvolgi il mio silenzio
nella tua pace tempestosa?
e dove finisce la tua voce
che scompigliando l’anima
offre il suo volo
alle mie ali stanche?

Riyueren

Lettera (ad un ospite inatteso)

An unexpected guest

Giornata di vento forte, oggi. A volte ho l’impressione che Genova voglia imitare Trieste. Tutto vola attorno a me: foglie, cartacce, la mia treccina… tu invece non sei come i gabbiani l’altro giorno a Nervi, il vento ti butta di qua e di là mentre provi a svolazzare… ma la sua forza è davvero troppa, per quelle ali e quel mozzicone di coda. Ancora qualche svolazzo e saresti finito sulla strada… e qui le auto quasi nemmeno si fermano quando attraverso io, figuriamoci per te che sei piccolino.

Perdonami se ti ho portato con me: non me la sono sentita di lasciarti finire tra le zampe dei gatti o sotto le ruote di un’auto. Stavo andando alla Posta lì vicino, ma prima ti ho lasciato un attimo da Claudia, in Farmacia: la scatola foderata di carta morbida e corredata di buchini è opera della sua gentilezza… e anche gli omogeneizzati di carne che ci ha regalato.

Poi sei stato nostro ospite per l’intera mattina, hai anche mangiato un po’, infine nel pomeriggio Claudia ha accompagnato me e te al C.R.A.S. a Campomorone.

E qui ho scoperto un posto bellissimo che non conoscevo. Così scrivo queste righe perché anche altri sappiano che ci sono persone meravigliose che si prendono cura degli animali come te e poi li rimettono in libertà, come è giusto che sia.

Persone che hanno bisogno di tutto l’aiuto che noi possiamo dare. Aiutiamoli quindi ad aiutare i selvatici che hanno bisogno di cure.

Questo posto è l’ ENPA di Genova

E questo è il progetto per cui c’è immediato bisogno di aiuto: le voliere.

Come sapete, io non sono più su FB, ma tanti di voi amici che mi leggete sì, per cui vi prego di condividere non tanto questo mio post, quanto la Pagina dell’ENPA Genova sulle vostre bacheche. Io vi ringrazio. Questo piccolino vi ringrazia. E credo che anche il piccolo Mir, ovunque sia, ne sarà felice.

An unexpected guest

 

An unexpected guest

 

An unexpected guest

Mareggiata ( di parole e di pensieri )

Il mare

Le parole scorrono come acqua fra le mie rive, dissolvono grumi di emozioni che altrimenti, private dei loro nomi, sarebbero soltanto dolore.

Il mare

Non so inventarle, le parole, non so infilare storie come fossero perle. Non so inventare nulla, nemmeno me stessa.

Faccio parte del paesaggio: nessun autoscatto potrà mai raffigurarmi insieme alle mie parole.

Non devo neppure cercarle, ormai: sono loro che trovano me, mi prendono per mano e mi accompagnano. Andiamo insieme e insieme troviamo ciò che ci appartiene che poi è anche ciò a cui apparteniamo: il cielo, il vento, gli alberi, le foglie, le onde.

Il mare

In fondo scrivere è un altro modo di guardare: lo sguardo è una fotografia e le parole sono visioni. Anche la scrittura è un qualcosa che rimane: non costa nulla, non servono prodotti chimici per lo sviluppo, non devi fare post produzione, non occorre una fotocamera, non occorrono obiettivi… nessuna lente, tranne i propri occhi, la mente e il cuore.

Il mare

La messa a fuoco è totale: da qui, qui dentro, all’infinito, dentro e fuori. Tempi veloci, tempi lenti… come vuoi tu.

Il mare

Da bambina scrivevo perché pensavo di non avere nulla, così credevo: ora scrivo perché so che non ho niente ma nello stesso tempo ho tutto.

Mentre scrivo, mentre fotografo, ho tutto: persino me stessa.

Il mare

 

Il mare

 

Il mare

 

Il mare

 

Il mare

Il mare