Visita esoterica notturna in Villa Durazzo Pallavicini

Notturno

9 Giugno: Incontro con il Direttore al chiaro di luna

Non avevo il cavalletto. Ho problemi a una mano e alla schiena: molto di ciò che ho “visto” in questo viaggio l’ho soltanto potuto custodire nella memoria del cuore e non in quella della mia fotocamera, che ho usato esclusivamente a mano libera.

Mi affido alle parole: so già che saranno insufficienti in quantità e qualità. Vorrei trovarne di notturne, per descrivere la magia della Villa mentre sicuramente sognava alla luce della Luna Piena e sotto ai nostri passi ( ed eravamo in molti ma in cammino silenzioso e colmo di stupore… traboccavamo meraviglia).

E vorrei trovarne altre di Luce, per spiegare la bellezza di una Luna che ci ha seguiti, accompagnati, per le tre ore e più di visita: Full Moon, magica lanterna ricolma dei miei desideri, misteriosa tra gli alberi scuri e sospesa sulle case: il volo era più che altro nostro (…e mio sicuramente: tempo fa avevo detto, parlando con il Direttore, che mi sarebbe piaciuto poter vedere la Villa di notte e con anche le lucciole. Venerdì sera pare fosse la prima volta in cui si vedevano lucciole nel Parco. “Sei stata esaudita, hai visto? – mi ha detto l’arch.Silvana Ghigino)

La Villa è magica, io lo sapevo.

Full Moon

 

Full Moon

 

Full Moon

 

Full Moon

 

Full Moon

 

Full Moon

 

Notturno al Castello del Capitano

 

Notturno al Castello del Capitano

 

Notturno al Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Nel Castello del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Mausoleo del Capitano

 

Villa Durazzo Pallavicini: Il Mausoleo del Capitano e la Luna Piena

39 thoughts on “Visita esoterica notturna in Villa Durazzo Pallavicini

  1. Ti ringrazio per il passaggio e proprio su questo post che mi è particolarmente caro. Ho sempre pensato che la realtà sia magica, proprio per il suo modo di essere, il suo presentarsi nuda, per chi da vederla, e nello stesso tempo vestita di ombre e di luci, di colori multipli o monocromi…la realtà di cui tutti partecipiamo più o meno consapevoli.E forse noi siamo la sua voce…e la nostra vita dovrebbe essere il suo canto.Realtà che è Magia,Incanto…Natura.

    Mi piace

  2. I luoghi e le cose, tra luci e ombre e chiaroscuri, si nutrono di sospensione del tempo e dello spazio, e fanno breccia in noi in maniera potente, ma oserei dire che è la realtà a essere magica. Eppure parliamo di luci, ombre e penombre e squarci di cielo da cui spicca la luna che affacciata inonda tutto ciò che non è notte fonda. Immagina un albero, una pianta, un fiore, un angolo di strada, semmai l’ingresso della villa, illuminati, quasi quasi siamo tentati di vedere l’inverosimile e dentro di noi, nel silenzio, suona una musica senza musica; una musica degli occhi e dei sensi.

    Mi piace

  3. Ti ringrazio. In effetti, mentre Silvana ci illustrava la visita, io avevo notato questa grande luce al di là degli alberi e mi sono allontanata un attimo per vedere meglio…sembrava qualcosa di irreale, ma era questa luna enorme, incredibile…

    Liked by 1 persona

  4. Mi muovevo talmente in sogno, grazie a quella luna, che ho camminato per più di tre ore senza faticare più di tanto. Devo ringraziare anche la mia nuova amica, Sara, che ho conosciuto durante l’aperitivo nella Casa delle tortore, prima della visita, che generosamente si è offerta di portarmi la borsa per l’intero percorso (io avevo solo il peso della fotocamera).

    Liked by 1 persona

  5. The moon looks like it is covered by a beautiful veil, as it appears and disappears in between the trees. I love also the candelabra. And the thought of fireflies being summoned by your wish…yes, there is magic in the villa. I am so happy that you have such joyful and mysterious experiences there.

    Mi piace

  6. Le foto che hai fatto sono semplicemente spettacolari, quella luna è magica! Non sembra quasi “vera” la foto. Mi hanno emozionato, davvero.

    Liked by 1 persona

  7. Sei troppo buona, Marta. Se avessi avuto il cavalletto avrei potuto farvi vedere molto di più. Il Parco era splendido…i marmi bianchi sembravano avere dentro una luce, da tanto risaltavano nel buio. Ma non escludo di riuscire a tornarci con il cavalletto. 😊

    Mi piace

  8. Poteva essere anche una casa comune, una palafitta: ciò che vedi lo trasformi in ricami, in bellezza senza sovrastrutture.
    Del cavalletto mi sa che puoi farne decisamente a meno il risultato è ottimo

    un caro saluto
    .marta

    Liked by 1 persona

  9. Te la consiglio vivamente. Se posso permettermi…ti suggerisco di fare come ho fatto io: la prima volta tutta da sola, l’intero percorso (meglio il sabato e anche perché nel fine settimana il castello è visitabile) poi una visita esoterica con il Direttore. E, se ti conosco bene, finirai per fare come me…ci torni e ci torni…😊

    Liked by 1 persona

  10. Grazie Max. ❤ Una volta al mese c'è questa visita notturna davvero suggestiva. Ma anche gli altri Incontri col Direttore sono molto interessanti. E si può gustare l'aperitivo nella Casa delle Tortore, oppure prenotare il pranzo o ancora mangiare al sacco nei tavolini riservati ai visitatori. Buona notte!

    Mi piace

  11. anch’io non amo il cavalletto, anche perché portarselo dietro tutto il giorno o la notte con i lunghi spostamenti che faccio io non è proprio comodo. Io nelle notti d’inverno spesso riesco a trovare muretti o ringhiere dove poter posare la macchina e fare così a meno del cavalletto. (:-))
    Non conoscevo questa visita notturna, decisamente molto singolare per le prospettive scenografiche raccolte. La luna piena era decisamente poetica, io l’ho vista a Varazze sabato notte.
    Complimenti per le immagini, riuscite bene nonostante gli scatti a mano libera.
    Buona giornata e buona luce. (:-))

    Mi piace

  12. Cavalletto o meno, tu riesci a farci sempre emozionare.
    La luna celata, poi, ha veramente qualcosa di magico… di etereo.
    Notte, cara💫❣️

    Mi piace

  13. Devo dire che la luce era all’interno della sala al primo piano del Castello…io questa volta ho fotografato dall’esterno… è una cosa che si può fare solo di notte, ovviamente quando ci sono le visite esoteriche, mentre di giorno entra la luce del sole ed i colori si riflettono sul pavimento. Le lucciole erano un po’ dappertutto e contribuivano alla magia insieme alla Luna.

    Liked by 2 people

  14. Che luna meravigliosa, sarà stato scelto anche per lei il giorno di questa visita. Immagino la vista da lassù e quelle vetrate che assorbono tutta quella luce! E poi le lucciole che si muovono fra di voi, vi anticipano e vi seguono. Sono felice per te che hai potuto godere di tutto questo, sono eventi rari.

    Mi piace

  15. Esatto ; le strumentazioni spesso affievoliscono la creatività. E’ negli aggiustamenti che , spesso , si scoprono nuovi modi e inaspettata la luce si lascia cogliere

    Liked by 1 persona

  16. Meno click di quelli che avevo fatto martedì scorso sempre in Villa. 🙂 Invece venerdì ho approfittato della visita notturna e sono andata in Villa qualche ora prima…che luce! Nel prossimo post condividerò anche quelle foto.

    Mi piace

  17. Ti ringrazio e ti confesso che a volte questa è una cosa che penso anch’io. Mi spiego: quando ho la reflex so che otterrò un certo risultato, a dire la verità prima di ogni scatto so già che cosa ne uscirà. So che con la reflex avrò pochi problemi, specialmente ad alti Iso. Mi sento abbastanza tranquilla. La compattina invece so già che ha molti limiti, eppure, paradossalmente, sapere che ci sono mi rende più creativa, nel senso di più libera. In questo caso avevo la reflex, sì, ma ci sarebbe voluto anche il cavalletto: non avendolo, ho cercato di fare quello che in fondo faccio sempre: adattarmi a quello che trovo (luce…ecc.) cercando di lasciare spazio alle mie emozioni. Tutto qui. ❤

    Mi piace

  18. Credimi , la magia delle tue immagini sta proprio in questo: l’occhio non ti ha tradito , perchè ha attinto dallo sguardo della tua anima. Il cavalletto, forse le avrebbe rese troppo perfette .

    Liked by 1 persona

  19. Ti ringrazio, Anna. Se avessi avuto il cavalletto avrei potuto sicuramente condividere di più, mi dispiace, ma la mia schiena non ce la fa a reggere tutto il peso dell’attrezzatura e il cavalletto in più sarebbe stato disastroso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...