Alla velocità dello sguardo…

Il mio sguardo velocissimo, il soggetto ancora più veloce, una fotocamera nuova tutta da conoscere… 🙂 mi ci vorrà un po’ di tempo.E molte prove, prima di venirne a capo.

Intanto ho scelto questi scatti, perché il soggetto mi ricorda quando ero così anch’io (il naso decisamente più lungo) e perché in fondo da allora non sono cambiata (dentro) poi così tanto.. sono ancora così, nonostante tutto: spero di esserlo per sempre.

Il mio sguardo

 

Il mio sguardo

27 thoughts on “Alla velocità dello sguardo…

  1. Paolo, nel riferimento FB che ho io non vedo foto recenti…forse ho un indirizzo sbagliato? Ho il pallino verde nel mirino..se pensi che ho pure la distrofia di Cogan (significa che sto andando piano piano- spero – a vedere sdoppiato) per me la MAF è un po’ un problema.:( ma non demordo. 🙂 Spero che il peso del 24-70 sia inferiore o almeno uguale a quello del 18-300 DX che è un bel po’ pesante. Io scatto dal 2008…a parte un vent’anni prima con l’analogica, ma avevo smesso per via dei costi e poi ero molto più ignorante di adesso.

    Mi piace

  2. per la rumorosità ti rispondo subito: niente da fare, io ho una D3s, nel silenzio di un concerto è una fucilata. Spero sempre nella comprensione nei confronti del fotografo. Il 24-70 è un’ottima lente tutto fare, l’unico difetto il peso, dopo una giornata attaccato al collo (con la macchina sono quasi 3Kg) il mal di schiena si sente. Il tuo corpo però è più leggero. La capacità di risoluzione agli alti ISO è il grande vantaggio di queste macchine l’hai già verificato. Per i fissi ai perfettamente ragione tant’è che io uso quasi sempre i vecchi Ai-Ais che oggi puoi trovare usati a un prezzo relativamente basso. Unico inconveniente la dimestichezza con la MAF, Nikon non prevede nessun aiuto nel vetrino a parte il pallino verde, credo anche nella tua, io con una lente accessoria che ingrandisce leggermente l’immagine nel mirino e venendo da lontano vista l’anagrafe :_) riesco ad avere quasi sempre un fuoco preciso. Se ti va passa da facebook, non mi piace ma sono quasi costretto ad usarlo non avendo un blog.
    Ho appena postato qualche scatto di un concerto dove cantava una mia conoscente. Sono fatte a 2000-3200 iso con un Ai-s 85/1,4 manuale e senza cavalletto. Non importa l’about, per fotografo non parlo di professionismo, la sensibilità, il gusto e da quel che vedo anche la conoscenza tecnica non ti mancano. Io scatto da 50 anni e sono figlio di un professionista ma sono solo un fotoamatore e forse nemmeno tanto bravo.
    un caro saluto

    Mi piace

  3. Cara, ultimamente, di luci e ombre, devo dire di averne avute un po’ tante, sai? mi consola la speranza di riuscire ,perché no?, a liberarmene, in un certo senso, trasformandole in visioni, cioè in immagini.Forse perché è più facile aver meno timori davanti ad un volto che davanti a delle emozioni, a delle sensazioni interiori. Credo che tu comprenda. ❤

    Mi piace

  4. Grazie, caro Paolo.Non sono una fotografa, lo sai, hai visto nell'”about” che cosa sono in realtà.Sì, sono passata al full-frame per la generosità di mio padre: in effetti le possibilità in più che desideravo avevano essenzialmente a che fare con il rumore ridotto ad alti ISO (non ho ancora potuto fare prove ai concerti, ma per esempio in chiesa devo dire che quasi si riesce a fotografare al buio) e con lo scatto silenzioso (su questo, al momento, devo esprimere la mia delusione, si sente lo stesso…anche se mi dicono, viste le problematiche del mio udito, che il rumore è inferiore a quello della D90…il guaio, per me, è che mentre ho difficoltà nei toni acuti, purtroppo quelli gravi li sento anche troppo…quindi, quando scatto, sento molto meno il rumore della D90, che è sugli acuti, rispetto al clack sui gravi della D610. Dovrò verificare negli spazi aperti e quando c’è musica, non mi va di dare fastidio.
    Ho fatto qualche prova con gli obiettivi che ho: il 18-300 DX, nonostante il ritaglio, è una lente ottima, per la sua nitidezza, anche su FX, cosa che avevo già notato con la D90.il 10-24 DX non è esattamente il massimo, ma in realtà devo rifare prove, dal momento che ho pasticciato con le impostazioni della MAF 😦 Il 50 1.8 e il 105 micro, essendo per FX, hanno una qualità d’immagine notevole.Aspetto di provare il 24-70 2.8 (è in arrivo, papà ha superato se stesso, vista la sua “genovesità”).Intanto studio il manualone e faccio prove.
    Così, di primo acchito, direi che in FX vanno meglio le lenti singole, ma siccome sono abituata ad adattarmi a quello che trovo, luce compresa…con un po’ di pazienza… 😀

    Mi piace

  5. Franco, pure tu sei troppo generoso…prima che io riesca a capire bene tutto…tutte le possibilità nuove…ce ne vorrà..e per una che di solito va veloce (ormai solo mentalmente) come quella bimba nelle foto…dovrò armarmi di santa pazienza…e del “manualone”. 🙂

    Mi piace

  6. MI piace molto la visone essenziale nei giochi di luci e ombre.
    Benvenuta anche alla nuova macchina fotografica per la tua felicità e felicità altrui 🙂

    Mi piace

  7. guardo sempre le tue foto anche senza commentarle . Una brava fotografa e tu lo sei, scatta con la testa, non con la macchina. Non preoccuparti dei manuali, il passaggio al full frame se ho capito bene, può solo darti qualche oppurtunità in più.

    Mi piace

  8. Guido Guido…di una generosità incredibile nei confronti del mio eclettismo, come lo definisci tu..qui in casa lo chiamano in un altro modo, purtroppo 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...