8 thoughts on “Cages… & Self Reflections (in the sugar bowl)

  1. Grazie Guido, sei sempre generoso.Per il pettirosso…offro io, stavolta 🙂
    ps.Come poi ho lasciato scritto da te…le parole sono veicolo di immagini multiple…certo, c’è il problema della traduzione…ma poi pensa che un’altra traduzione a livello puramente visivo viene fatta quando anche si parla la stessa lingua. Se io dico,o scrivo, per esempio “albero”…tu cosa vedi? Mi viene in mente una cosa che avevo scritto…ti lascio il link 🙂

    Mi piace

  2. Sei troppo brava, già te lo dissi e ridissi incurante ora di ripetermi.
    Sei di una feroce imprevedibilità.
    Ogni singola immagine merita, ma altrettanto passarle tutte una dopo l’altra, diventa rassegna – anzi spettacolo che sempre si rinnova.
    Ti invidio perchè un’immagine – a differenza della parola – non ha bisogno di essere tradotta.
    Colgo l’occasione per dirti che ho sostituito i miei vari blog wordpress (tranne FIAAABE!) col nuovo BLOGHISSIMEVOLMENTE (http://guidosperandio100.wordpress.com).
    Il materiale dei passati blog l’ho riorganizzato e pubblicato indie.
    Confido nella tua cortesia affinchè tu ti faccia ambasciatrice di un affettuoso saluto al pettirosso.
    (Saluto magari corredato da qualche briciola gustosa… mandami pure il conto della relativa spesa)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...